Giorno 23: Ko Phangan. The energy you buy is the energy you get.

Un uomo cammina per una collina soleggiata. Vede un grande albero di mango e si siede ai suo piedi per frescheggiare. Non sa che l’albero è magico ed è in grado di esaudire qualsiasi desiderio.
“Questo è un luogo bellissimo” pensa, “ma sono da solo e vorrei poterlo condividere con una donna speciale”.
Proprio in quel momento una bellissima donna passa di lì, si siede al suo fianco e i due iniziano a parlare. C’è intesa tra di loro, sono connessi l’uno con l’altra. Si amano da subito.
“Adesso che ho una donna, vorrei poter vivere in questo luogo così meraviglioso, magari avere una casa”.
I due passeggiano nel prato e trovano una bellissima casa lì vicino. Non ci abita nessuno, possono vivere lì.
“Tutto questo è così bello” pensa l’uomo, “troppo bello per essere vero. Ci deve essere qualcosa sotto. Sicuramente è un demone che mi sta tentando e ingannando”.
La sera stessa un demone arriva nella casa.
“Lo sapevo, era come pensavo. Sarà certamente un demone malvagio e l’unica cosa che vorrà sarà divorarmi”.
Quella notte il demone mangia l’uomo.

L’energia di cui ci nutriamo è la stessa che ci accompagnerà. Questo è ciò che ho imparato oggi. Ed è così vero. Finché permettiamo che i pensieri negativi comandino la nostra mente, saremo sempre circondati da un alone di negatività, che non farà altro che attirarne altra. Lo stesso vale per le persone di cui ci circondiamo: persone infelici, che si piangono addosso, arrabbiate, ci trasmetteranno la loro negatività, cercando complicità. Sta a noi scegliere di farsi contagiare o di continuare per la nostra strada di serenità.
Alla fine, siamo quello che ci immaginiamo di essere.